Un anno dalla laurea: maturare una coscienza femminista

15 ottobre 2019, oggi è l’anniversario della mia laurea triennale in Lettere Moderne.

Per festeggiare vi parlerò dell’importanza che la mia tesi di laurea ha avuto sulla mia crescita.

Premessa: il mio approccio al Femminismo era già iniziato da tempo grazie al Canale Youtube di Irene Facheris o Cimdrp della quale ho letto anche il libro Parità in pillole, impara a combattere le piccole e grandi discriminazioni quotidiane.

Irene Facheris, Parità in pillole, impara a combattere le piccole e grandi discriminazioni quotidiane, Rizzoli, 2020

Il suo primo libro edito Tlon si intitola Creiamo cultura insieme. 10 cose da sapere prima di iniziare una discussione ed è del 2018.

La sua rubrica, che dà il titolo al libro, mi ha aiutato ad approcciarmi al Femminismo anche se il mio spirito era ancora quiescente.

Con la tesi di laurea e la lettura integrale della quadrilogia dell’Amica Geniale di Elena Ferrante e, nello specifico, del terzo volume Storia di chi fugge e di chi resta mi sono resa conto che quello spirito voleva farsi sentire e che devo iniziare a lottare.

Elena Ferrante, Storia di chi fugge e di chi resta, L’Amica Geniale, volume terzo, Edizioni E\O, 2018

Il terzo volume probabilmente è stato quello meno apprezzato dai più e posso capire perché: è denso di avvenimenti storico- politici assai frenetici che possono generare confusione. Per me, invece, è stata una lettura conturbante che mi ha portato a capire che certe lotte vanno combattute attivamente.

Lungi dal voler fare spoiler, il punto focale è proprio questo: tra i tanti avvenimenti vissuti dalle due giovani donne Elena e Lila, soprattutto dalla prima visto l’ambiente in cui si trova, si parla della nascita del Movimento femminista.

La storia del movimento è divisa in ondate ma non mi voglio addentrare troppo in una storia così complessa che, ad oggi, viene purtroppo sminuita e le femministe spesso sono malviste. Ho in programma di leggere più libri o saggi possibili sulla storia del movimento per conoscerla nel profondo.

Nel sopracitato Parità in pillole si afferma che “Il personale è politico” . Per quanto in questi anni io sia sempre stata restia a espormi per insicurezze personali, mi rendo conto che la frase non potrebbe essere più vera: volente o nolente, quando si parla di diritti si entra inevitabilmente nel campo dell’attivismo e delle battaglie politiche.

Questo è un articolo per festeggiare un evento importante ma anche per introdurre un argomento che mi sta sempre più a cuore e del quale parlerò in diversi momenti perché legato a tanti temi che tratterò.

Oltretutto, sull’Amica Geniale si possono aprire infinite parentesi sui personaggi – in particolare su Nino Sarratore, personaggio che credo sia stato detestato da quasi tutti i lettori, me compresa.- e magari lo farò con le dovute cautele nei prossimi articoli.

Spero che questo articolo vi abbia incuriosito,

A presto,

Cate L. Vagni

Pubblicato da Cate L. Vagni

Laureata in lettere moderne e frequento la Laurea Magistrale in Scienze Archivistiche e Biblioteconomiche. Piccolo spazio personale dove poter esprimermi su ciò che mi sta a cuore.

8 pensieri riguardo “Un anno dalla laurea: maturare una coscienza femminista

  1. Ho la quadrilogia completa, ne ho divorati tre su quattro: il quarto non sono riuscita a portarlo in fondo perché ho sentito che scadeva nella banalità (è solo una mia supposizione, naturalmente). Forse perché ho molto apprezzato i tre precedenti, soprattutto il primo. Detto questo devo aggiungere che, sì, mi hai incuriosita riguardo all’argomento del femminismo e cercherò di trovare uno spazio per leggere il libro che hai citato. Grazie per gli spunti di riflessione che ci offri, per la costanza, la determinazione, la passione che metti nel curare il tuo blog. ComPoi menti, Caterina!

    Piace a 1 persona

    1. Io il quarto l’ho finito perché serviva per la tesi ma a livello emotivo è stato devastante. Le descrizioni erano troppo vivide mentre leggevo e spesso avevo quasi voglia di piangere.
      Se hai tempo puoi guardare anche il canale YouTube della ragazza che ho citato visto che nel libro approfondisce quegli argomenti.
      Grazie per i complimenti e a presto 😘

      "Mi piace"

  2. Più che un articolo direi che è una bellissima anteprima di tutti i meravigliosi articoli, che hai in serbo per noi lettori e per il tuo blog. Non puoi che sfondare una porta che è ormai spalancata… lo sai che la penso esattamente come te su certi argomenti e ribadiamo il concetto fondamentale: il femminismo non vuole la superiorità della donna sull’uomo, ma la parità di genere.
    Mi piacerebbe che in un prossimo articolo tu estrapolassi dal libro dei consigli su come nel concreto ognuna di noi possa combattere quelle forme discriminazioni latenti, apparentemente innocue, che però goccia dopo goccia possono fare dei danni enormi nella società.

    Piace a 2 people

    1. Hai proprio ragione. Volevo introdurre il Femminismo così. Questo era un articolo che avevo in mente da tempo. Ne abbiamo parlato più volte e sai cosa ne penso. Potrei provare ad analizzare il libro citato ma non è facile visto che cita svariate discriminazioni e in realtà le analizza senza effettivamente dare una soluzione. Ci penserò.

      Piace a 1 persona

  3. Ho amato alla follia i primi due capitoli, sul terzo non so perché ero dubbioso, ma adesso che ho letto questo articolo ho un’incredibile voglia di leggerlo! Grazie Caterina! 😍E complimenti in ritardo per la tua laurea (anche io studio Moderne!)

    Piace a 1 persona

    1. Io ho fatto tanta fatica a finire l’ultimo perché emotivamente è assai doloroso. La scrittura della Ferrante arriva fin troppo in certi punti. Ci sono tante scene nel terzo che in effetti sono forti soprattutto quelle subite da Lila – non entro nello specifico per non anticipare nulla- e stavo soffrendo un sacco a leggerle… Grazie per i complimenti. A che anno sei e dove studi se posso sapere? 😊

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: