Eccentrico

Oggi continuo la rubrica Le esperienze degli altri con la presentazione di Eccentrico, Autismo e Asperger in un saggio autobiografico di Fabrizio Acanfora.

Il titolo è autoesplicativo: in questo saggio Fabrizio racconta la sua storia come aveva fatto Andrea in I- Asperger. La storia di una diagnosi tardiva e di tutte le difficoltà incontrate nella vita fin da bambino.

E’ diviso per argomenti che, ovviamente, sono analizzati secondo la sua esperienza.

Uno dei punti che voglio sviscerare in un prossimo articolo per sfatare un falso mito sull’Autismo è l’idea che tutti gli autistici siano sempre e comunque geni. Io la trovo una semplificazione che non tiene conto di aspetti come le attitudini – anche perché lo stereotipo vede l’autistico associato alla scienza. Non riesco a essere d’accordo con questa affermazione ma ne parleremo in un altro momento. -. Infatti un capitolo del saggio si chiama Sapientino proprio perché la percezione è spesso quella che la persona autistica sembri pedante quando ripete ciò che ha studiato.

Una delle caratteristiche comuni alla maggioranza degli autistici è il cosiddetto masking ovvero mascherare le difficoltà e le crisi di shutdown\ meltdown e lo stimming per non spaventare chi non capisce a pieno cosa prova una persona autistica in un mondo di stimoli che sovraccaricano oltre al cercare di imitare chi ti circonda come strategia per compensare ciò che non si riesce a comprendere o non viene naturale in quanto base della condizione. Io ci sto ancora riflettendo su quanto lo abbia messo in pratica nella mia vita.

O ancora, la routine e gli interessi assorbenti che servono a tranquillizzarsi e scandire le proprie giornate senza andare nel panico. Studiare fino allo stremo ciò che interessa per capirlo in ogni sua sfaccettatura sperando di poterne parlare con qualcuno senza essere giudicati.

Si parla di bullismo, un tema assai delicato che merita di essere approfondito per sensibilizzare il più possibile.

In ultimo, l’autore ha partecipato anche ad Autismo Risponde raccontando la sua esperienza tramite alcune domande. E’ un musicista, costruttore di strumenti e collabora con l’istituto catalano di Musicoterapia – vive a Barcellona -. In questo video dove si parla di musica come risorsa per tutti afferma che può avere tanti lati positivi per l’aiuto nelle difficoltà dei ragazzi autistici.

Altra esperienza che vale la pena conoscere per comprendere la nostra condizione. Ci sono diversi punti da analizzare che ritornano in molte storie di autistici. Ho evidenziato i punti che mi hanno più colpito e approfondirò in separata serie visto che penso che sia difficile recensire una autobiografia, non credo che si possa – o, meglio, debba – giudicare la vita degli altri. In un certo senso la sento come una mancanza di rispetto verso la persona che ha raccontato la sua esperienza. Spero che si capisca il mio punto di vista, che non vale nel caso in cui si parli di un’autobiografia romanzata.

A presto,

Cate L. Vagni

Trovate Fabrizio Acanfora sul suo blog , su Facebook e Instagram.

Pubblicato da Cate L. Vagni

Laureata in lettere moderne e frequento la Laurea Magistrale in Scienze Archivistiche e Biblioteconomiche. Piccolo spazio personale dove poter esprimermi su ciò che mi sta a cuore.

4 pensieri riguardo “Eccentrico

  1. Concordo pienamente con te, quando si tratta di autobiografia (hai fatto benissimo a scinderla da quelle romanzate) anch’io ho sempre la sensazione che qualsiasi commento si possa aggiungere, possa vertere verso un giudizio, quando in realtà si dovrebbe solo cercare di prenderne atto e di cercare di EMPATIZZARE con il protagonista, cercando di assumere in parte anche il suo punto di vista. Mi piacerebbe che tu scrivessi in un prossimo articolo cosa sia il masking e di quanto venga utilizzato nel mondo autistico, soprattutto, come da te spiegatomi una volta, in quello femminile e di quale impatto abbia avuto su di te.

    Piace a 1 persona

    1. Ne parlerò a tempo debito magari in occasione del 18 febbraio, Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger. Ci sto riflettendo perché non so quanto ho effettivamente mascherato prima di sapere di essere Autistica. È complicato. Il discorso della diagnosi tardiva lo affronterò in quel frangente ma non è facile parlarne…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: